Anfora firmata da Exekias


Inventario:

MV.16757.0.0

Autore:

firmata da Exekias come pittore e vasaio

Description:

Questa celebre anfora, firmata da Exekias come vasaio e pittore, può a buon titolo annoverarsi tra i capolavori dell’artista e della ceramografia attica in genere. Alla tecnica pittorica si accompagna la minuziosa opera di incisione effettuata dopo la cottura, con la quale vengono resi dettagli e ornamenti. La rappresentazione, estranea alla tradizione omerica, si carica, nella calma apparente dell’aneddoto, della tragicità degli eventi futuri. Achille e Aiace, contraddistinti dalle iscrizioni come gli altri personaggi, sono seduti e intenti a giocare esclamando i punti realizzati, rispettivamente quattro e tre, come indicano le iscrizioni che sembrano fuoriuscire a mo’ di fumetto dalle loro bocche. Sull’altro lato è raffigurata la famiglia dei Dioscuri. Castore tiene per le briglie il cavallo Kyllaros e si rivolge verso Leda che gli offre un fiore, mentre Polluce gioca con un cane e Tindareo accarezza il muso del destriero.

Datazione:

540-530 a.C.

Materia:

ceramica a figure nere

Misure:

h cm 61,1; Ø orlo cm 27,8

Periodo acquisizione:

1834

Tipo acquisizione:

dono dei fratelli Candelori a Gregorio XVI

Provenienza:

Da Vulci

Location:

SCV ➔ Museo Gregoriano Etrusco ➔ Sala XIX, Emiciclo Inferiore ➔ vetrina F

Immagini collegate